131a Assemblea dei delegati di coiffureSUISSE a Zurigo

Il 19 e 20 maggio i delegati di coiffureSUISSE si sono incontrati a Zurigo per il loro incontro annuale. Il presidente centrale Damien Ojetti ha accolto 178 delegati e ospiti allo Swissôtel.

Ecco le risoluzioni più importanti in base all'ordine del giorno:

  • I conti annuali sono stati approvati su richiesta dei revisori contabili.
  • Il Comitato centrale ha ottenuto il discarico.
  • Approvato il bilancio 2019
  • È stata respinta la proposta della Sezione Ticino di eleggere nel Consiglio di direzione anche i quadri (art. 9 dello Statuto).
  • La proposta della sezione di Soletta di limitare la durata del mandato del presidente centrale a 3 mandati di 4 anni ciascuno è stata respinta.
  • Gli auditor OBT Treuhand con Thomas Kaufmann sono stati rieletti.

Mutazioni:
Damien Ojetti ha dato il benvenuto a Zurigo a Dimitri Suhner come nuovo presidente della sezione Biel - Seeland – Jura bernese. Il nuovo presidente della sezione della Svizzera centrale è Mirjam Blättler-Ambauen. Danilo Tomasini di Lugano ha sostituito Bruno Friederich quanto direttore della Commissione di controllo qualità di l'esame professionale superiore.

La prossima Assemblea dei delegati si terrà a Montreux il 17/18 maggio 2020.


Caro membro,

domenica e lunedì scorso ha avuto luogo a Zurigo la nostra Assemblea dei delegati. È con grande piacere che ho potuto riferire sugli effetti positivi del nostro CCL, in vigore da un pò più di un anno. La Commissione paritetica (CP) per il mestiere di parrucchiere ha ora la possibilità di procedere contro le infrazioni – adesso anche senza preavviso. La informo volentieri sulla nuova strategia 2019/2020 della CP: il nuovo CCL è un vero apriporta per gli organi di controllo, dato che – per la prima volta – comprende anche i salari minimi per personale non qualificato o semi qualificato. Se viene scoperto che un titolare di salone non paga i suoi collaboratori in base al CCL, dovrà versare il salario arretrato e verrà multato. Su iniziativa di coiffureSUISSE e della Commissione paritetica, dei organismi di controllo sono ora attivi in quasi tutta la Svizzera per controllare la conformità dei negozi di parrucchieri alle norme CCL. Su 200 controlli dei registri salari, eseguiti ogni anno, si sono avuti solo ancora 250 controlli a sorpresa, per un totale di 450 controlli all’anno. Roger Baumann, direttore dell’Ufficio controlli di Zurigo, ha illustrato ai delegati il lavoro quotidiano dei controllori. Sono state prese delle misure anche per quanto concerne il lavoro in nero: la CP controlla i formulari di iscrizione dei richiedenti d’asilo e dei profughi accolti temporaneamente per l’inizio di un’attività. Purtroppo, le autorità statali non hanno ancora intrapreso alcuna azione di controllo di propria iniziativa, ma noi ci atteniamo ad essa. Sono previste ulteriori misure, La terremo al corrente. C’è ancora molto da fare, ma assieme siamo una forza che fa sì che qualcosa si muova.

Cordialmente
Damien Ojetti, Presidente centrale